Buone pratiche

LE BUONE PRATICHE CONTRO LO SPRECO ALIMENTARE

Sono molte le esperienze che puntano a ridurre gli sprechi alimentari. Si tratta di iniziative promosse a livello istituzionale, aziendale, che fanno rete tra soggetti diversi o che partono dai cittadini. Alcune creano delle comunità reali, altre virtuali, c’è chi punta alla sensibilizzazione e chi a mettere in pratica progetti innovativi per ridurre gli scarti o ridistribuire i prodotti che non possono essere venduti.

L’obiettivo è sempre lo stesso, quello di tessere una maglia fatta di organizzazioni e comunità orientate a valorizzare il cibo, quello bello e quello brutto, quello ammaccato ma ancora sano e gustoso. Viviamo in una società dove le disuguaglianze sono talmente vistose da non poter essere ignorate e sprecare il cibo deve essere considerato un gesto offensivo verso chi è in difficoltà.

    Il Libro bianco Coop sullo spreco alimentare illustra tante iniziative, in parte sintetizzate di seguito e molte altre, in particolare quelle sviluppate nel nostro Paese e da Coop, sono presentate sulle pagine dell’area “Cosa fa Coop” e in quelle dedicate ai diversi interlocutori interessati, che invitiamo a partecipare a questa comunità per condividere soluzioni e iniziative volte a contrastare lo spreco di cibo. Per saperne di più segui i link indicati su questa pagina.

Milano ed Expo 2015
Inglorious fruits & vegetables
Un piano multilivello per ridurre gli sprechi
Re-food: 4.000 volontari in bicicletta per le strade del Portogallo
Il programma brasiliano Project Fome Zero
Le reti contro lo spreco alimentare in Italia tra reale e virtuale
Save Food per la riduzione dello spreco di mango
La piattaforma UNEP-FAO Think.Eat.Save